I RITUALI NELLA VITA QUOTIDIANA E NON

Cosa succede se la mattina ti alzi e poggi il piede sinistro invece con il destro? Quante volte ti sfreghi le mani quando te le lavi? A Natale (visto che ci stiamo arrivando) è di rito il pranzo con i suoceri o con i tuoi genitori?

Tutti questi sono rituali di buon augurio (all’italiana, potrebbe dire qualcuno, ma non è così…credimi). Allora? bene, parliamo un po’ di questo argomento e vediamo qualche “pillola” informativa. Alla fine avrai una informazione che sicuramente troverai veramente strana e interessante…

Pronto? Via, partiamo…

Attraverso il rituale costruiamo famiglie e comunità, facciamo transizioni e segniamo eventi importanti nelle nostre vite, ci esprimiamo nella gioia e nel dolore, e forse, soprattutto, creiamo e sosteniamo l’identità.
Essi sono espressi in ogni forma e colore. Dalla solenne Messa cattolica alle fiammanti celebrazioni del Gay Pride. Dai riti sciamanici praticati dagli indiani Huichol del Messico ai rituali di auto-aiuto dei nostri giorni.
Dalle ragazze svedesi che ballano intorno al palo di maggio della vigilia di mezza estate – che si crede essere un momento magico per l’amore – al cinese etnico piercing le guance con lame e spade per portare fortuna durante il sanguinoso Festival vegetariano di Phuket.

Mentre alcuni possono liquidare la pratica come qualcosa di antico e antiquato, l’atto del rituale è una parte essenziale della condizione umana che rimane con noi oggi, semplicemente, perché sembra funzionare.
A differenza delle abitudini che sono svolte senza attenzione (il cervello lavora in automatico, altrimenti non riusciremmo a guidare e parlare con nostra moglie/amica seduta accanto a noi…), i rituali sono generalmente consapevoli – una serie di azioni svolte per uno scopo specifico.

Identità rituale

I nostri antenati usavano il rituale per creare legami di parentela necessari per la sopravvivenza in un mondo pieno di pericoli.
Struttura rituale e gerarchia hanno contribuito a definire il loro posto nel mondo, che a sua volta ha portato a forme di culto precoci come il totemismo, l’animismo e il paganesimo.
Gli atti più antichi del rituale umano risalgono a 70.000 anni fa in una grotta nelle colline di Tsodilo, in Botswana, conosciute localmente come le “Montagne degli Dei”. Qui, nel 2006, gli archeologi hanno scoperto prove di esseri umani dell’età della pietra che facevano offerte sacrificali di teste di lancia a un pitone di pietra. Secondo i miti della creazione dei Sanpiople locali, l’uomo discende dal pitone.
Quando emersero le religioni moderne, i rituali antichi furono assorbiti in nuove forme. I leader religiosi hanno capito che l’identità comune viene creata e consolidata attraverso esperienze condivise.

Le cerimonie sono spesso occasioni gioiose – chi non ama una grande festa di compleanno o un matrimonio? Altri, come i funerali, ci vedono affrontare un profondo senso di perdita, eppure un addio cerimoniale ci consente di condividere il nostro dolore e di sopportarlo meglio.
In tempi futuri, potremmo non aver più bisogno del rituale per la nostra sopravvivenza fisica?, ma cosa succederebbe al nostro benessere mentale, emotivo e spirituale?
Anche se c’è stato un allontanamento dalle cerimonie religiose, le persone hanno ancora bisogno di rituali per segnare i punti più importanti della loro vita“, dice Dally Messenger, uno dei primi celebranti civili australiani e autore del libro Ceremonies and Celebrations. “Le cerimonie sono un’espressione di cultura“, aggiunge, “meccanismi che esprimono e generano amore, forgiano e dichiarano il legame tra gli individui e stabiliscono e identificano la comunità“.
Riunirsi insieme per rituali cerimoniali ci collega anche alla nostra storia. Ogni anno i francesi si uniscono in grandi festeggiamenti per celebrare il giorno della presa della Bastiglia e l’emergere della nazione moderna e il suo degno ethos: “Gli uomini nascono liberi e rimangono liberi e uguali in diritti“.

Riti di passaggio

I rituali sono affascinanti perché riflettono la diversità dell’esperienza umana. Ciò che sembra abbastanza normale per una cultura è completamente bizzarro per un’altra. Immagina, ad esempio, che tuo figlio di 13 anni porti i guanti pieni di centinaia di spine per 10 minuti – verrai arrestato per violenza su minore, ma per la tribù di Satere-Mawe dell’Amazzonia questa esperienza segna un importante rituale dell’età adulta .
Prima del matrimonio, le donne della tribù dei Fulani (Africa occidentale) hanno la bocca e le labbra tatuate. Non li trasformerà magicamente da una ragazza in una donna – né le formiche di Satere-Mawe faranno un uomo di ragazzi – ma entrambi condividono l’importanza dell’intenzione. Il significato culturale o personale è ciò che lo rende così efficace.
Parlando di giovani australiani oggi, Messenger crede che “…molti giovani si sentono soli, non appartengono, non sono supportati. La ragione? Che la comunità non ha mai detto loro che appartengono – nel modo serio noto come una cerimonia“.
I rituali d’arrivo alla maturità sono particolarmente potenti nel creare identità, poiché significano il passaggio dall’infanzia all’età adulta.
C’è un senso di prima e dopo, che la vita è stata toccata dall’esperienza e ha dato un significato più profondo. Più intensa è l’esperienza, più grande è il legame creato – ecco perché si ritiene che la condivisione di riti di iniziazione traumatici rafforzi i legami comunitari.

Rituali e prestazioni

Chris Attwood, coautore del libro Your Hidden Riches: Scatenare la forza del rituale per creare una vita di significato e scopo, afferma che i rituali sono la chiave del successo. Egli afferma che ci permettono di “esibirci al meglio quando ne abbiamo bisogno, mantenere la calma quando siamo sotto una pressione intensa e creare un senso di equilibrio nelle nostre vite”.
I migliori giocatori sportivi sono ben noti per i rituali pre-partita. Serena Williams rimbalza sempre la palla cinque volte al suo primo servizio e due volte al secondo. Indossa lo stesso paio di calzini per tutta la durata di un torneo. Ha persino affermato che perderebbe non seguendo il suo rituale.
Superstizione? Nessuno affermerebbe che le calze consumate conducano alla vittoria – è un’atleta supremo che le dona tutto ciò che ha – ma il suo rituale del calzino aiuta senza dubbio a metterla in una mentalità vincente.
La ricerca degli psicologi dello sport mostra che i rituali superstiziosi migliorano le prestazioni. Negli esperimenti, i golfisti a cui è stata assegnata una palla “fortunata” hanno ottenuto risultati migliori di quelli con una palla ordinaria. Si riteneva che avere una palla “fortunata” aumentasse la fiducia delle persone nelle proprie capacità e motivasse uno sforzo maggiore.
Gli attori sono noti anche per i rituali. Il primo giorno di set, Colin Farrell indossa sempre i suoi fortunati boxer coperti di quadrifogli.
Dalle calze ai quadrifogli alle formiche pungenti, l’amore di Dio per amare se stessi, gli atti di gratitudine privati ​​agli atti di grandezza collettiva, i rituali sono una parte fondamentale di ciò che ci rende umani e hanno tanta rilevanza oggi come hanno sempre fatto.

Il rituale nella musica

La formula magica delle hit da classifica pop rock assomiglia alla prima pagina di un qualsiasi metodo di chitarra per principianti. MI – SI – DO#m – LA: per chi capisce qualcosa di musica queste sigle non dovrebbero rappresentare un problema. In effetti si tratta di un giro di accordi che a livello tecnico pratico è alla portata di qualsiasi persona dopo tre lezioni di chitarra. Da un punto di vista teorico si tratta poi di una cadenza di accordi molto basilare. Esiste poi un terzo livello che è quello che fa breccia nell’animo delle masse, ovvero quello emotivo.

Come è possibile che da 40 anni la gente ascolta senza fare una piega più o meno la stessa musica senza accorgersene, acquistando milioni di dischi tutti armonicamente uguali e mandando con grande entusiasmo al top della classifica artisti capaci di suonare sempre e solo i soliti 4 accordi? Se non ci credi guarda il video.Abbiamo una ipotesi: l’uomo è un animale abitudinario, pronto ad accettare rituali ripetitivi che diano una parvenza di stabilità alla propria vita… Tradotto in musica, questo “porto sicuro” a cui attraccare nella tempesta della quotidianeità, per i popoli anglosassoni ha questa formula: MI – SI – DO#m – LA. Certo in 40 anni possono cambiare le parole, le melodie (anche no) gli arrangiamenti e le sonorità, ma l’appiglio dei 4 accordi nell’immaginario popolare resta ben stabile, forte, solido, sicuro, immutabile nel tempo. Comunque è paradossale che l’uomo per cercare la propria sicurezza o “armonia interiore”, arrivi a negare proprio il significato di “armonia musicale”, ovvero lo studio degli accordi.

Ebbene, da oggi in poi non guardare più ai rituali come a qualcosa di obsoleto e passato, ma come una normalità quotidiana.

Ciao, alla prossima 😆

 

Se pensi che questo articolo possa essere utile a qualcun altro
ti chiedo di ripagare il mio impegno condividendolo con il tuo pubblico
e facendo si che sia utile anche ad altri 😆

musica, olistico, Senza categoria

Informazioni su meramente

Mauro Messina ha insegnato dal 1985 al 1990 matematica e fisica presso il Centro Studi “La Scuola”, dal 1991 al 2008 fisica e Scienza delle costruzioni presso la scuola privata “Arcadia”.
E’, dal 2007, Vicepresidente dell’Associazione A.R.S. – Jesi (AN) dove tiene corsi di matematica e fisica.
E’ un Mind Performer con specializzazione sullo Studio Scolastico.

Precedente QUAL È IL MOMENTO MIGLIORE PER STUDIARE? GIORNO VS NOTTE? Successivo Cosa è la musicoterapia e quali sono i suoi benefici